Quando Erik il Rosso diventò verde

 

Il (fragoroso) risveglio degli scandinavi

 

In un'epoca in cui il re dei Franchi Carlo Magno (742-814 circa) svolgeva uno dei compiti politici più ambiziosi d'Europa, con l'obiettivo di costruire un impero di dimensioni pari a quello romano caduto tre secoli prima, nel Nord si stava risvegliando un popolo su cui dobbiamo fare affidamento d’ora in avanti: i vichinghi. Ridurli alla classica immagine di biondi, alti e scompigliati con barbe minacciose, che emergono da nebbie inquietanti, con il coltello tra i denti e pronti a combattere con i poveri popoli che incrociano il loro cammino è un vero peccato. Certo, è impossibile negare che la loro impressionante statura e i saccheggi hanno fatto sì che si imponessero sulle altre popolazioni medievali, ma i popoli scandinavi sono stati anche e soprattutto mercanti, grandi avventurieri dei mari che hanno cercato di soddisfare la loro fame di commercio.

 

vikings groenland
Drakkar vichingo in Groenlandia

 

Una famiglia complicata

 

Mentre gli svedesi commerciano con la Russia e l'Asia centrale e i danesi si concentrano sull'Europa occidentale, i norvegesi guardano al Grande Occidente, spinti dal sogno di scoprire (e conquistare, naturalmente) nuove terre. Questi eccellenti marinai non hanno timori, affrontando l'Atlantico senza strumenti di navigazione. Il loro metodo? La navigazione costiera con punti di riferimento sulla terraferma. In un fatidico giorno del X secolo, il norvegese Thorvald Ásvaldsson commette l'irreparabile atto di uccidere uno dei suoi. Condannato all'esilio, armò il suo knörr, una grande nave mercantile, e si diresse verso ovest, osservando attentamente le sagome delle isole attraversate sulla sua rotta, per non perdersi: Shetland, Faroe e infine l'Islanda, dove decise di stabilirsi. La colonia era appena organizzata quando il figlio di Thorvald, Erik detto Il Rosso; a causa della sua barba, commette un omicidio, come il suo progenitore. Una mania tra gli Ásvaldsson. E quindi a sua volta è costretto a salpare. Corre l’anno 982.

 

voyage erik le rouge
Rotte delle spedizioni vichinghe

 

Erik e i suoi problemi con il colore

 

Dove andare? Tornare in madrepatria sarebbe un disonore. La marcia verso ovest, pertanto, continua. Dopo qualche giorno di navigazione, si profila una terra all'orizzonte: un'enorme isola che Erik il Rosso decide di esplorare risalendo per un fiordo. La natura selvaggia delle rive, che in primavera rinverdiscono, lo entusiasma. Questa terra sarà quindi chiamata Groenlandia - terra grœnn ("verde") -. Qui vi stabilì i suoi uomini e la sua famiglia e sviluppò un'economia basata sull’allevamento del bestiame e sull'agricoltura durante i tre anni di esilio. Obiettivo? Dare il benvenuto agli altri coloni. Terminata la sua condanna, Erik il Rosso tornò in Islanda per raccontare il suo Nuovo Mondo ai contadini bisognosi di terra. Sedotti da queste parole, alcuni vichinghi islandesi osano fare il grande passo e trasferirsi in Groenlandia, un'isola che pensano sia verde e prospera. Tuttavia trovano una natura aspra, odiata dal figlio di Erik, Leiv Eriksson, che, come gli altri, si chiede dove sia il verde di cui parla Erik il Rosso. Stanco, Leiv alla fine salpa, di nuovo verso ovest, e scopre una terra che chiama Vinland... l’America! Quasi cinquecento anni prima di Cristoforo Colombo.

 

 
 


Se volete proporre un'idea per un articolo, contattate ottavia.filovent@gmail.com

Bisogno di un consiglio?
Chloé esperto della tua crociera
Il nome è richiesto
Il cognome è richiesto
L'indirizzo email é obbligatorio
Il numero di telefono è richiesto
×
×
Con Monica esperta delle tue crociere