Volete navigare, ma non volete correre rischi: scegliete una barca FiloSafe con rimborso del 100%.

Noleggio Barche Portisco

Filovent trova per voi una barca straordinaria

Bisogno di un consiglio?

Stefano, l’esperto della vostra crociera

Voglio ricevere e-mail da Filovent e creare il mio account cliente
Portisco : Qual è il tuo stile di barca?

Portisco - I nostri consigli per la tua crociera



   Di Flavia CAMMARATA 

Da Flavia Cammarata Pignato, responsabile del marketing per il mercato italiano in Filovent. "Da sempre appassionata di barche a vela, ho già avuto esperienza nel settore nautico, presso un'impresa dedicata alla compravendita di barche online. Ora parte del team di Filovent sono felice di condividere con voi tutti i segreti del mare."

 

23 agosto 2021

 

Tempo di lettura: 5 minuti

 

 

IN BREVE

 

Da non perdere: Porto Madonna situato tra Budelli, Santa Maria e Razzoli e Cala Roto, anche detta Spiaggia Rosa. Si tratta di due paradisi naturali da non perdere quando si naviga nell'Arcipelago della Maddalena.

Curiosità: Portisco si trova in un punto strategico per visitare la Costa Smeralda e l'Arcipelago della Maddalena. Non solo, si puó scegliere di fare rotta veso Sud alla volta dell'Isola di tavolara e Molara. In questa zona non sono previste lunghe traversate ed è possibile navigare a vista.

Ancoraggi migliori: La meravigliosa Cala Coticcio a Caprera. E' stata ribattezzata Thaiti per via della sua sabbia bianca e le acque limpide e turchesi.

 

 

Contenuto

 

1- Informazioni pratiche per il noleggio della vostra barca a Portisco

2- Cosa fare a Portisco?

3- Quali sono i principali ancoraggi raggiungibili in barca da Portisco

4- Quando partire per la tua crociera nel Nord della Sardegna

 

 

 

 

Noleggiare una barca a Portisco è l’occasione giusta per esplorare uno dei piú suggestivi e rinomati tratti di costa della Sardegna. Da questa base di partenza puoi navigare lungo la Costa Smeralda, raggiungere l'Arcipelago della Maddalena o arrivare fino alle isole di Tavolara e Molara. Daniela Bulgarini, cliente Filovent, ricorda con noi il momento piú divertente della sua crociera: “la navigazione è stata bellissima. Ricordo con piacere il viaggio di ritorno da Caprera. Le previsioni meteo davano brutto tempo ed abbiamo deciso di ripararci al Porto di Cannigione. Ma per raggiungerlo abbiamo dovuto affrontare il mare grosso e il vento forte. Gli spruzzi d’acqua arrivavano dappertutto, i ragazzi si sono divertiti tantissimo!”.

 

in partenza da portisco nord sardegna navigazione alla scoperta del nord della sardegna

Daniela e il suo simpatico equipaggio a bordo di un Bavaria C45 Style. Che la crociera abbia inizio! (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

1- Informazioni pratiche per il noleggio della vostra barca a Portisco

 

Tariffe medie secondo la stagione e le dimensioni della barca

 

La tabella qui sotto dà un'idea dei prezzi medi del noleggio barche. Questi prezzi possono cambiare a seconda della stagione, disponibilità, modello, età della barca...

 

Tipo di barca Alta stagione
Luglio e agosto
Media stagione
Maggio, giugno e settembre
Bassa stagione
Aprile e ottobre
Monoscafo (35 piedi/≈2 cabine) 2 500 € 2 000 € 1 400 €
Monoscafo (40 piedi/≈3 cabine) 3 000 € 2 500 € 2 000 €
Monoscafo (45 piedi/≈4 cabine) 3 500 € 3 000 € 2 500 €
Catamarano (40 piedi) 5 000 € 4 100 € 3 800 €
Catamarano (50 piedi) 5 500 € 5 000 € 4 000 €

 

I nostri principali partner in loco

 

Ecco la lista dei nostri principali partner che offrono noleggio barche a Portisco:

  • NSS Charter (North Sardinia Sail) comincia ad operare nel 1998 ed oggi è punto di riferimento nel settore a livello mondiale. La flotta di NSS Charter comprende oltre 130 imbarcazioni a vela (monoscafi e catamarani) dotate di ogni comfort. Questa compagnia di noleggio è la prima società di charter in Italia per numero di imbarcazioni e per qualità del servizio.
  • Yachting in Sardinia conta su un team di esperti il che ha reso questa compagnia altamente professionale nel settore del noleggio barche. Offrono imbarcazioni di alta qualità.
  • Kiriacoulis è stata fondata nel 1986 ad Atene, ad oggi offre i suoi servizi in moltissimi marine del mediterraneo e oltre. Per quanto riguarda la Sardegna, questa compagnia offre charter solo a Portisco e noleggia principalmente catamarani (Lagoon, Elba, Bali...) e monoscafi (Dufour, Oceanis, Sun Loft...). Competitiva in termini di prezzo, Kiriacoulis vi permette di organizzare il check-in e il check-out il giorno che preferite offrendo anche flessibilità in termini di durata del noleggio (possibilità di noleggio per 10 giorni per esempio).

 

Come arrivare a Portisco?

 

Il rinomato Marina di Portisco è situato nel Golfo di Cugnana e le sue coordinate sono: 41° 01’ 55,6’’ N – 9° 31’ 32,8’’ E. Noleggiare una barca a Portisco è risulta essere un’ottima idea, non solo per il suo facile accesso alle localitá piú affascinanti della Sardegna, ma anche per la sua vicinanza all’aeroporto (17 km) e al porto (15 km) di Olbia. Per coloro che trovano piú comodo atterrare ad Alghero e Cagliari i loro aeroporti si trovano rispettivamente ad una distanza di 144 e 285 km.

 

2- Cosa fare a Portisco?

 

Francesca di Europe Sail Yachting and Charter spiega: "situata sul versante Nord-Est della Sardegna, nel Golfo di Cugnana, esattamente tra Porto Cervo e Porto Rotondo, questa localitá rappresenta un punto di riferimento strategico per i diportisti che vogliono navigare lungo la Costa Smeralda o esplorare l’arcipelago della Maddalena”. Non solo, partendo da questa base potrete visitare anche le isole di Tavolara e Molara. Grazie al suo moderno e attrezzato porto, questa localitá attira ogni anno turisti da tutto il mondo. Situata all’interno del Golfo di Cugnana, Portisco si è guadagnato il titolo di Bandiera Blu nel 1996 ed ha sicuramente molto da offrire ai turisti che ogni hanno vi si recano. Nei suoi pressi di Portisco potrete scoprire baie nascoste e selvagge come Razza di Giunco, Petra Ruja, Liscia Ruja e Cala di Volpe. Potrete spingervi fino all’Isolotto di Portisco, ma anche alle Isole di Mortorio e Soffi. Il Marina di Portisco dispone di 589 posti ormeggi per imbarcazioni fino a 90 mt di lunghezza fino ai mega yacht. Oltre ad offrire servizi di alta qualitá come assistenza a terra e all’ormeggio, qui potrete trovare ristoranti e negozi di ogni genere. Una volta noleggiata la vostra barca a Portisco, potrete visitare anche Baia Sardinia, Palau, Porto Rotondo, Porto Cervo e Punta Volpe.

 

3- Quali sono i principali ancoraggi raggiungibili in barca da Portisco

 

A seconda delle condizioni del vento, da Portisco potete decidere se navigare verso Nord o verso Sud lungo la costa, fino a raggiungere la Maddalena oppure verso l’Isola di Tavolara. Gli itinerari di una settimana nel Nord della Sardegna sono svariati, normalmente comunque non prevedono lunghe traversate e consentono una navigazione a vista. Di seguito una selezione degli ancoraggi piú belli ed interessanti, sia dal punto di vista paesaggistico che nautico. Noleggiate una barca a Portisco e partite alla scoperta dei piú incantevoli approdi della Sardegna!

 

foto di gruppo a bordo durante la crociera nel nord della sardegna momento di riflessione durante la navigazione

Momenti spensierati e indimenticabili durante la crociera lungo in versante Sud-Est della Sardegna (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

Costa Smeralda

 

Se hai intenzione di noleggiare una barca in Sardegna non puoi certo perderti la Costa Smeralda, rinomata localitá turistica, nonchè frequentata dal jet-set internazionale. Offre un paesaggio davvero mozzafiato con le sue spiagge di sabbia bianca, l’acqua turchese ed una profumata macchia mediterranea. Cala di Volpe, che si trova a 5 miglia da Portisco,è una bellissima e profonda insenatura naturale su cui sono disposte 4 spiagge da sogno: Liscia Ruja, Petra Bianca, Petra Niedda. Cala Volpe è un ottimo ancoraggio poiché ridossato dai venti da Sud-Ovest e Nord-Ovest. Il suo fondale fangoso è buon tenitore ed è profondo dai 3 ai 5 metri, dunque è adatto ad imbarcazioni di 1 mt di pescaggio. In alta stagione è molto affollata e normalmente viene disposto un comodo campo boe.

Incastonato all’interno di Cala di Volpe sorge l’Arcipelago del Mortorio costituito da isole ed affioramenti granitici, tra cui l’Isola di Mortorio, l’Isola di Sofi e Le Camere. Giovanni Capitanio, cliente Filovent, racconta che “la spiaggia di Mortorio è molto bella e piccolina. Si tratta di una piscina naturale con acqua bassa, trasparente ed estremamente limpida: peotrete ammirare perfettamente il fondale senza bisogno di immergervi! Se cercate la massima tranquillitá in un luogo incontaminato e lontano dall’affollamento turistico, questo approdo è quello che fa per voi”.

A Nord di Cala di Volpe è situato invece il Golfo Pevero, una delle spiagge piú frequentate dal jet-set. Si tratta di un’ampia rada riparata dal venti. Il suo fondale, profondo 5-6 mt, è un misto di sabbia ed alghe, dunque anch’esso buon tenitore. Soffice sabbia bianca e rocce granitiche che abbracciano un mare limpido e turchese, questa localitá è davvero suggestiva, nonché esclusiva. Questa localitá attira tutti gli anni tantissimi turisti, soprattutto appassionati golfisti: i campi da golf si trovano appena alle spalle della spiaggia. Navigando poco piú a Nord, troverete è il Piccolo Pevero, piú piccola della prima, ma altrettanto suggestiva. Nelle sue vicinanze avrete a disposizione le isolette di Li Nibani. Non dimenticare di visitare Porto Cervo con le meravigliose spiagge di Romazzino, del Principe e Li Ittricceddi.

 

shooting fotografico a bordo momenti di relax durante l'ancoraggio in rada

Momento shooting fotografico durante una sosta in rada (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

Arcipelago della Maddalena

 

L’Arcipelago della Maddalena è complesso formato da 60 isole, isolotti ed affioramenti rocciosi di cui le principali sono Caprera, Santo Stefano, Budelli, Santa Maria, Razzoli e Spargi. In una giornata di navigazione è possibile vederle tutte poichè distano poche miglia l’una dall’altra. Inoltre, Giovanni Capitanio, cliente Filovent spiega che: “in genere sull’Isola della Maddalena c’è sempre un buon scirocco e si veleggia particolarmente bene“.

Si tratta di territorio vergine e perfettamente preservato e protetto grazie all’istituzione del Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena. Per entrare in quest’area occorre, infatti, richiedere un permesso speciale. Angelo Usai di Boomerang Charter racconta: “è possibile acquistare l’entrata al Parco Nazionale direttamente nel Marina di Portisco. Conviene comprare l’entrata per una settimana invece che per tre giorni poiché è piú economico. Il prezzo è di circa 60 euro a settimana per un 65 piedi, mentre per le imbarcazioni piú grandi ed i catamarani la cifra sale a 80 euro”

 

La Maddalena e Giardinelli

 

La Maddalena è l’unica isola abitata di tutto l’arcipelago e rappresenta un buon punto di partenza per andare a visitare tutte le altre isole poiché si trova a poche miglia di distanza da ognuna. Tra le soste principali consigliamo innanzitutto di ormeggiare nel porto turistico di Cala Gavetta o a Cala Mangiavolpe per una visita al paese. Francesca di Europe Sail Yachting and Charter racconta che “l’Isola della Maddalena dista circa 18-20 miglia nautiche da Portisco ed il suo omonimo paese è molto affascinante”. Piacevole e comoda è la sosta in queste suggestive rade, ben protette dai venti e vicine al centro abitato. Se, dopo una giornata di navigazione e relax, hai voglia di un po’ di movimento, puoi immergerti nella caotica città della maddalena per godere dei suoi negozi, bar e ristoranti.

 

risate durante la crociera con partenza da portisco una chitarra a bordo del Bavaria C45 Style

Godendosi un po' di relax a bordo del Bavaria C45 Style (foto di Daniela Bulgarini - Cleinte Filovent)

 

Se vi trovate da quelle parti nel mese di luglio non perdete la tradizionale festa patronale di Santa Maria Maddalena che si tiene il 22 e prevede l’uscita in processione delle barche locali e si chiude con i fuochi d’artificio di mezzanotte. Se hai voglia di fare un’escursione l’ideale è visitare la torre di avvistamento di Guardia Vecchia del 1283, per ammirare l’arcipelago della Maddalena dall’alto. Collegata all’Isola della Maddalena sul versante Est mediante un istmo è l’Isolotto di Giardinelli. È possibile gettare l’ancora nella rada ben riparata dai venti della Spiaggia di Giardinelli, ma occorre prestare estrema attenzione ai molteplici scogli affioranti. Un’alternativa altrettanto affascinante è Cala del Polpo che presenta un fondale sabbioso di 5-8 metri.

 

Caprera

 

Selvaggia ed incontaminata l’Isola di Caprera è un vero paradiso per gli amanti del trekking ed i ciclisti. Questa folta e verdeggiante oasi naturale, un tempo luogo d’esilio di Garibaldi, disabitata e lontana dall’atmosfera scintillante della Costa Smeralda, è l’ideale per staccare la spina e ritrovare il contatto con la natura. A Caprera troverai una miriade di sentieri adatti ad ogni tipo di escursionista. Uno dei piú belli è quello che percorre la costa settentrionale dell’isola ed è il piú completo dal punto di vista paesaggistico e storico. Questo percorso collega, infatti, le fortificazioni di Arbuticci e Candeo ed attraversa le cale piú suggestive del territorio, tra cui Cala Candeo, Cala Napoletana, Cala Caprese, Cala Crucitta, Cala Coticcio e Cala Portese.

 

acque turchesi di coticcio a caprera
Uno dei più suggestivi ancoraggi di Caprera: Cala Coticcio (Foto Adobe Stock)

 

Non deve mancare una tappa al Museo Garibaldino, nei pressi di Porto Garibaldi, che conserva i cimeli dell’Eroe dei due mondi. Per visitarle potete dare fondo all’ancora nella Cala Garibaldi passando al centro degli isolotti Italiani ed evitando cosí le secche rocciose. Il fondo qui è buon tenitore e profondo tra i 5 ed i 7 mt. Questa rada, ben protetta da tutti i venti tranne che dal Maestrale, viene chiamata così perchè veniva utilizzata dal condottiero per ormeggiare le sue barche. Oggi è una spiaggia tranquilla fino almeno a luglio inoltrato. L’isola è costellata di molti altri approdi di notevole bellezza, ma occorre ricordare che è soggetta alle restrizioni imposte dal Parco Nazionale della Maddalena per la protezione del territorio. Prima di cominciare la navigazione assicurati di sapere in anticipo quali zone sono interdette al transito e alla sosta di imbarcazioni.

Tra le spiagge da sogno di Caprera, c’è anche la meravigliosa Cala Coticcio, ribattezzata come Tahiti per via della sabbia bianca e le acque limpide e turchesi. Daniela Bulgarini, cliente Filovent racconta: “questa insenatura naturale non è riparata come Porto della Madonna. Nei giorni di vento forte non si puó stare per la risacca, ma offre un mare davvero meraviglioso!”.

 

ancoraggio in rada e relax navigazione alla scoperta di nuove rade

Tra ancoraggi in rada e momenti di navigazione alla scoperta del Nord della Sardegna (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

Situata sul versante orientale dell’isola, è una delle piú rinomate dell’arcipelago per la sua incredibile bellezza. Consigliamo di gettare l’ancora durante le prime ore del giorno, altrimenti si rischia di non trovare posto. L’ancoraggio in questa rada è reso difficoltoso dalla presenza delle forti raffiche da direzione imprevedibile in caso di venti da Ovest e dal fondale a tratti roccioso e cattivo sostenitore. Vale comunque la pena visitarla e ancorare sul lato Est delle due insenature di cui è composta la baia. Ugo Stefani, cliente Filovent consiglia anche di “sostare davanti al Centro Velico Caprera, sul versante Est dell’isola. Questa baia è infatti molto protetta e tranquilla”.

 

Spargi

 

Anch’essa disabitata, l’Isola di Spargi è un piccolo gioiellino ricco di vegetazione. Mentre il versante Est dell’isola è inagibile per la presenza di alte scogliere e l’esposizione a forti raffiche di vento, la parte Ovest è ideale per l’ancoraggio. In particolare, Cala Corsara è ottima anche per la sosta notturna, ben protetta da Ovest e Nord-ovest e dotata di ottimi fondali alti 5-6 mt. Chi getta l’ancora in questa baia potrá ammirare davanti a sé lo spettacolare faraglione Testa della Strega, un’enorme roccia granitica alta circa 6 metri. Dato che Cala Corsara è piuttosto frequentata, un’ottima alternativa è Cala d’Alga, anche se piú soggetta alle raffiche di Maestrale ed adatta a barche di piccole dimensioni. Infine c’è Cala Ferrigno, anch’essa ottima per l’ancoraggio notturno.

 

Budelli, Santa Maria e Razzoli

 

Il complesso di isole situato piú a Nord-Ovest dell’Arcipelago della Maddalena è composto da Budelli, Santa Maria e Razzoli che si trovano a poco piú di un’ora di navigazione da La Maddalena. A Budelli troverai un susseguirsi di piccole baie, scogliere di granito vegetazione rigogliosa e spiagge dorate che colorano il mare in modo unico. L’incanto di questa isola risiede nella fragilitá del suo ecosistema. Su quest’isola disabitata non è consentito sbarcare e la sua spiaggia più famosa, Spiaggia Rosa, può essere ammirata solo dal mare. Questa delicatissima spiaggia prende il nome dal colore tipico della sua sabbia. Daniela Bulgarini, cliente Filovent, vi è andata in crociera con la sua famiglia e ha condiviso la sua esperienza con noi: “raccomando vivamente di visitare questo meraviglioso paradiso naturale. Per farlo abbiamo gettato l’ancora a Porto Madonna, quasi a riva, fino a dove si poteva e poi abbiamo raggiunto la celebre e bellissima Spiaggia Rosa con il gommoncino. Consiglio di fare come noi che l’abbiamo vista al tramonto, momento in cui i riflessi rosa si amplificano e contrastano con le sfumature turchesi del mare”. Daniela Bulgarini, cliente Filovent, continua: “la rada piú bella in assoluto per me è stata Porto Madonna. La rada piú bella è porto madonna. È esposta soltanto ai venti di Ovest e Nord-Ovest perchè è tutta riparata della isole. All’interno Bocche di Bonifacio è l'unico porto ridossato sempre riparato su tre lati e mezzo. L’imbocco della rada si trova ad Est”. Si distinguono, inoltre, per il loro fascino Cala Piatto, Cala CisternoneCala del Cavaliere. Un ottimo ancoraggio in assenza di Maestrale è Cala di Trana che oltre ad offrire un paesaggio incantevole fatto di dune, rocce e macchia mediterranea, presenta un fondale sabbioso ideale per dare fondo all’ancora.

 

giocando a bordo del bavaria c45 style cala roto detta spiaggia rosa a budelli

Da sinistra: momento goliardico a bordo e scorcio della meravigliosa ed inaccessibile Spiaggia Rosa a Budelli (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

A differenza di Budelli, a Santa Maria è possibile sbarcare per visitare le sue meraviglie e non è disabitata. Sull’isola vi sono diverse escursioni interessanti che ti permetteranno di immergerti nella ricca vegetazione della macchia mediterranea. Ti consigliamo di percorrere il sentiero che conduce all’antico monastero benedettino del XI secolo, nonché la via panoramica fino al faro di Punta Filetto da cui potrai godere di una vista spettacolare sull’arcipelago. Tra gli ancoraggi piú interessanti dell’Isola spicca Cala Santa Maria dove è possibile ormeggiare solo ai gavitelli rosa previsti dall’Ente Parco della Maddalena. Si tratta di un’estesa spiaggia dalle sembianze caraibiche con un fondale cosí basso da dare luogo ad una piscina naturale. La baia è contornata da rocce granitiche miste a macchia mediterranea.

Infine, separata da Santa Maria dal Passo degli Asinelli, si trova l’Isola di Razzoli, forse la piú selvaggia dell’arcipelago. Si distingue per la sua costa particolarmente frastagliata fatta di alte rocce granitiche e per i fondali ricchi di flora e fauna che la rendono meta ideale per lo snorkeling. Tra le cale piú suggestive ci sono Cala Cappello, Cala Noce, Cala Bove Marino. Un ottimo ridosso da quasi tutti i venti è Cala Lunga, presso cui è possibile gettare l’ancora su un fondale di roccia e sabbia di 4 mt di profonditá. Si consiglia di sistemarsi nella parte settentrionale della baia esposta ai venti di Levante, dove l’Ente Parco ha predisposto delle boe di ormeggio dove poter sostare. In fase di ingresso in rada occorre prestare attenzione ad alcuni scogli non segnalati. Budelli, Santa Maria e Razzoli distano tra loro poche centinaia di chilometri e nel tratto di mare tra di esse compreso sorgono due ottime rade, Porto Madonna e Passo Cecca di Morto. Caratterizzate da acque cristalline e sabbia bianca entrambe sono protette da quasi tutti i venti. Mentre Porto Madonna è esposta dai venti occidentali, Passo Cecca di Morto è ridossato ad Ovest.

 

Golfo Aranci, Tavolara e Molara

 

Chi noleggia un catamarano in Sardegna<\a> o una barca a vela da Portisco, a seconda dei venti che spirano, puó scegliere la rotta verso Sud e dirigersi verso le Isole di Tavolara e Molara, appartenenti all’area marina protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo. Questa zona della Sardegna è probabilmente meno rinomata e dunque meno turistica, ma non per questo meno affascinante. Mare trasparente e fondali ottimi per lo snorkeling, l’autenticitá che si respira qui è davvero straordinaria! L’Isola di Tavolara si presenta come un imponente massiccio granitico di 560 mt di altezza e prende il suo nome dalla forma piatta e allungata. L’isola di Tavolara è piuttosto selvaggia e l’unico centro abitato si trova a Spalmatore di Terra, dove si trova anche un porticciolo. Gli amanti del trekking e dello snorkeling troveranno qui un vero e proprio paradiso terramarino.

 

barche a vela isola di tavolara a nord est della sardegna
Veduta aerea della selvaggia e incontaminata isola di Tavolara a Nord Est della costa sarda (Foto Adobe Stock)

 

Da non perdere il percorso panoramico della durata di 30 minuti che si estende per tutta l’isola e che offre una vista spettacolare sull’area protetta, ma anche su Olbia e Golfo Aranci. A parte la zona Nord-Est dell’isola dove non è possibile navigare nè ancorare perchè zona militare, Tavolara offre uno dei migliori ancoraggi di tutta la Sardegna: fondale sabbioso buon tenitore e ridossato dai venti, specie quelli da Nord-ovest. “Sull’isola non c`è un porto vero e proprio e si puó ormeggiare ovunque” sostiene Angelo Usai di Boomerang Charter.

Al pari della Tavolara, anche la disabitata Molara è un’isola granitica ricoperta di macchia mediterranea. Non essendo particolarmente frastagliata, non offre baie particolarmente ridossate. Vale peró davvero la pena visitare, a Sud-Est dell’isola, le Piscine di Molara che regalano un paesaggio davvero spettacolare: acque turchesi , sabbia bianca, natura incontaminata. Tra gli ancoraggi piú suggestivi dell’area ci sono le Piscine di Molara, Punta Molara, Capo Coda Cavallo, Cala Spagnola, Cala Chiesa. A poche miglia da quest’ultima ti consigliamo di visitare lo Scoglio del Dinosauro, una perfetta scultura scolpita nel tempo dall’azione del vento e dal mare. Una volta qui è d’obbligo immergersi in acqua per praticare un po’ di snorkeling.

 

ultimi scatti durante la crociera nel Nord della Sardegna scende il tramonto prima del rientro in base a Portisco

Gli ultimi scatti prima di rietrare in base a Portisco (foto di Daniela Bulgarini - Cliente Filovent)

 

Quando partire per la tua crociera nel Nord della Sardegna?

 

Durante il periodo estivo i venti predominanti in questa parte della Sardegna provengono prevalentemente da Ovest e Nord Ovest e dunque dalle Bocche di Bonifacio. A causa dell’Effetto Venturi, il vento che si produce nel canale tra la Corsica e la Sardegna, è spesso di notevole intensitá e puó raggiungere anche forza 4 o 5. Questa condizione può provocare una navigazione ed un ancoraggio piuttosto complicati, soprattutto nell’area dell’Arcipelago della Maddalena. Occorre dunque tenere d’occhio costantemente le previsioni del tempo. Angelo Usai di Boomerang Charter afferma che “il vento prevalente nella zona è il Maestrale, a volte si riscontrano anche lo Scirocco ed il Grecale. Dalla base di partenza di Portisco è bene scendere prima a Sud verso l’Isola di Tavolara e poi risalire a Nord verso La Maddalena o viceversa, a seconda delle condizioni dei venti”. In estate possono verificarsi in effetti rari episodi di Scirocco ed anche le piogge non sono molto frequenti. In ogni caso, grazie alla conformazione della costa e alla presenza delle isole, vi è una miriade di approdi riparati dove poter dare fondo all'ancora in tutta sicurezza. La stagione primaverile è più interessata da venti da Nord-Ovest e Sud-Est. L’autunno e l’inverno sono i periodi meno indicati per navigare nell’area, dove il primo è interessato generalmente da intense raffiche di Maestrale ed il secondo da burrasche. Giovanni Capitanio, cliente Filovent sostiene che “i mesi migliori per navigare nella parte Nord della Sardegna sono giugno e settembre quando l’affollamento turistico è meno intenso. In questo periodo anche i prezzi delle barche son piú convenienti”.

 

Consulenti specializzati che vi consigliano con serietà, reattività e trasparenza

Marina
Ismael
François
Carlotta
Angelica
Stefano

Recensioni dei clienti dopo aver prenotato una barca

Parlano di noi...