Volete navigare, ma non volete correre rischi: scegliete una barca FiloSafe con rimborso del 100%.

Noleggio
Barche
Portorosa

Filovent trova per voi una barca straordinaria

Bisogno di un consiglio?

Lina, l’esperta della vostra crociera

Voglio ricevere e-mail da Filovent e creare il mio account cliente
Portorosa : Qual è il tuo stile di barca?

Portorosa - I nostri consigli per la tua crociera



   Di Flavia CAMMARATA 

Da Flavia Cammarata Pignato, responsabile del marketing per il mercato italiano in Filovent. "Da sempre appassionata di barche a vela, ho già avuto esperienza nel settore nautico, presso un'impresa dedicata alla compravendita di barche online. Ora parte del team di Filovent sono felice di condividere con voi tutti i segreti del mare."

 

2 agosto 2021

 

Tempo di lettura: 8 minuti

 

 

I consigli di Monica e Alessandro, clienti Filovent

 

Da non perdere : L'eruzione del vulcano Stromboli di notte a bordo della barca Stromboli.

Indirizzi interessanti : Assaggia le delizie culinare siciliane al ristorante La Sirena a Panarea e non perderela degustazione di Malvasia presso l'azienda vinicola Hauner a Salina!

La scoperta : La meravigliosa e incontaminata spiaggia Praia di Vinci con le sue alte scogliere e l'acqua turchese ti lascerá senza fiato.

Particolaritá : Essendo di natura vulcanica tutte le isole dell'arcipelago presentano spiagge scure e rocciose. Nonostante ció ognuna è differente dall'altra e per questo vale la pena visitarle una ad una!

 

 

Sommario

 

→ Cosa fare a Portorosa?

→ I migliori ancoraggi alle Isole Eolie

→ Quando partire per la tua crociera alle Isole Eolie?

→ Come arrivare alla base di partenza?

 

La Sicilia con i suoi colori e la sua bellezza é una meta apprezzata dai turisti di tutto il mondo. Se vuoi visitare nello specifico le Isole Eolie, l’ideale é noleggiare una barca a Portorosa e da qui salpare alla scoperta dei luoghi piú nascosti e incontaminati. “La nostra meravigliosa crociera alle Isole Eolie é durata una settimana, tempo che ci ha permesso di esplorare tutte le isole dell’arcipelago. Con il nostro Lagoon 380 abbiamo avuto una navigazione bellissima, ma anche comoda e tranquilla. Si tratta di un luogo dove ritornerei assolutamente! Il mare é meraviglioso e la gente del posto disponibile ed ospitale, ma a fare la differenza é stato lo skipper Ivan che ci ha condotto alla scoperta dell’arcipelago” racconta Monica Biondi, cliente Filovent.

 

Navigazione nelle Isole Eolie
In fase di navigazione nelle Isole Eolie (foto di Monica Biondi, cliente Filovent)

 

Cosa fare a Portorosa?

 

Se hai deciso di noleggiare una barca a Portorosa per visitare le Isole Eolie, hai fatto la scelta giusta. Il suo porto, infatti, sicuro e ben protetto, è da sempre un ottimo punto di accesso all’arcipelago. Moderno e all’avanguardia, è uno dei piú importanti porti siciliani e dispone di 650 ormeggi per barche tra i 6 ed 35 metri, nonché di efficienti servizi per il diporto. Le sue acque sono state dichiarate Bandiera Blu nel 1993. Portorosa, non rappresenta solo un punto strategico per raggiungere le Isole Eolie, ma ti permette anche di navigare lungo la costa alla scoperta della riserva naturale del Tindari e sbarcare per una visita a Capo Tindari e Capo Milazzo.

Capo Tindari. Se noleggi una barca a Portorosa non puoi dimenticare di fare tappa in questa affascinante cittadina, ricca di arte e storia. Situata su un promontorio affacciato sul Golfo di di Patti: vale la pena visitarla per essere uno dei siti archeologici dell’epoca greco-romana piú importanti della Sicilia. Se hai voglia di scendere a terraferma non dimenticare di visitare il Teatro Antico, risalente al al IV sec. a.C e dove nel mese estivo si tiene la manifestazione “Teatro dei due mari” con spettacoli di teatro, danza e musica. Ma l'elemento di spicco che ha reso Tindari famosa in tutto il mondo é il Santuario di Maria Santissima di Tindari che custodisce al suo interno la statua della Madonna Nera e che si trova su un promontorio a strapiombo sul mare. Il panorama che potrai ammirare sia dalla barca che dal santuario stesso é assicurata!

Capo Milazzo. sorge anch’essa su una rocca naturale affacciata sul mare ed offre spunti interessanti sia per gli appassionati di arte, sia per chi è alla ricerca di vita mondana. Prima di goderti i vari ristoranti e locali notturni nel centro storico o sul lungomare, non perdere il Castello di Milazzo, risalente al 1237 e cuore pulsante della cittá.

 

I migliori ancoraggi alle Isole Eolie

 

Vuoi noleggiare una barca a Portorosa? Come giá anticipato, questa base rappresenta una delle principali porte di accesso alle Isole Eolie, che distano poche miglia nautiche. Nello specifico sono 14 per raggiungere l’isola piú vicina noleggiando una barca a Portorosa, cioé Vulcano. In una sola settimana é possibile visitare tutto l’arcipelago che nel 2000 é stato riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Trattandosi di un’area di natura vulcanica, i fondali appena al largo delle coste di ognuna isola colano a picco repentinamente e non sono presenti baie profonde che proteggano bene dai venti intensi. Ció significa che occorre prestare la massima attenzione, poiché i ripari sicuri sono pochi. Noleggia una barca a Portorosa per visitare le Eolie, "ogni isola é diversa dall’altra, vista una non le hai viste tutte, per cui vale la pena esplorarle una ad una!", afferma Alessandro Germak, cliente Filovent.

 

Vulcano

 

Se noleggi una barca a Portorosa, la prima isola che incontrerai é Vulcano. Questa é costituita da ben 4 vulcani, Lentia, Piano, Vulcanello e Fossa. É caratterizzata da scogli ripidi a strapiombo sul mare, acque termali e sulfuree, fumarole e spiagge di sabbia scura. I fenomeni vulcanici sono evidenti pressoché in tutto il suo territorio. Questi peró si intensificano intorno alla Fossa e sull’istmo che connette Vulcano e Vulcanello e che forma le baie di Porto Levante e Porto Ponente. Giá da lontano, in fase di avvicinamento all'isola, noterai un intenso odore di zolfo e l’imponente vulcano che domina il territorio.

 

Panoramica dell'Isola di Vulcano nelle Isole Eolie
Suggestiva veduta aerea dell'Isola di Vulcano alle Eolie(foto Adobe Stock)

 

Alessandro Germak, cliente Filovent racconta: "Vulcano, insieme a Lipari, é la piú turistica ed accessibile delle Eolie". Una volta sceso a terra ti basterá uno scooter o una bicicletta per visitarla in lungo e in largo. Se sei appassionato di trekking vale la pena dedicare un’ora di camminata per raggiungere il cratere della Fossa sulla vetta del vulcano, a 391 metri di altezza. A questo punto, dopo la fatica, verrai ripagato da una vista mozzafiato su tutto l’arcipelago. Un bel bagno nelle terme naturali di Porto di Levante ti rimetterá in sesto dopo una lunga camminata. Per visitare il paese di Vulcano ti basterá ormeggiare sempre a Porto di Levante, ma se lo desideri, questo porto é dotato anche di un esteso campo boe. Una volta noleggiata una barca a Portorosa, non potrai fare a meno di cercare i migliori ancoraggi per godere le tue vacanze alle Eolie. Ecco di seguito alcuni tra i piú affascinanti.

Baia di Levante

Questa localitá ospita un porto turistico molto attrezzato ed é la principale baia di accesso all’isola e al suo paese. Nei suoi pressi si trova il cosiddetto “mare caldo”, ossia bagni termali ottimi per fare dei fanghi rigeneranti. Essendo un porto commerciale occorre tenere d’occhio i traghetti in entrata. Dotato di ottimi fondali, si tratta di un ottimo luogo dove ancorare, anche per passare la notte. É possibile ormeggiare sui pontili Marina Vulcanello o di Baia di Levante rispettivamente a Nord o a Sud della baia stessa. Qui troverai a tua disposizione un campo boe. Specialmente in estate si consiglia di riservare la boa o l’ormeggio con largo anticipo.

Baia di Ponente

Baia di Ponente regala una vista davvero mozzafiato e, dati i fondali che non superano i 14 metri di altezza, rappresenta anch'esso un ottimo punto per passar la notte. Essendo questa zona particolarmente esposta ai venti predominanti occorre sempre tenere sotto controllo il meteo. Presta attenzione, inoltre, agli scogli affioranti dal mare appena all’entrata della baia.

Grotta del Cavallo e Piscina di Venere

La Grotta del Cavallo é situata sul versante nord occidentale dell’isola ed é una baia composta da scogli la cui forma ricorda una testa di cavallo. A poche miglia marine di distanza si trova la meravigliosa Piscina di Venere. Monica Biondi, cliente Filovent racconta: “questa meravigliosa localitá, incorniciata da alte scogliere é un vero e proprio paradiso ed é qui che abbiamo praticato un po’ di snorkeling”. Data la presenza di scogli non é prudente sostare in questa zona, specialmente di notte e l’ideale é arrivarci con un tender.

Baia del Gelso e spiaggia del Cannitello

Sul versante Sud dell’isola altre due meravigliose spiagge di sabbia nera, ottime anche per ancorare in tutta sicurezza. I loro fondali sono infatti alti tra i 5 e i 12 metri. Queste insenature permettono anche di passare la notte in rada tranquilli e indisturbati e, nei giorni particolarmente nitidi, é possibile da qui intravedere l’Etna.

 

Lipari

 

Per visitare l’Isola di Lipari, distante solo 6 miglia nautiche di distanza da Vulcano, l’ideale è ancorare a Marina Corta o, in alternativa, puoi ancorare a sud del porto dove si trova un fondale adatto di 12 metri di profonditá. Entrambi i punti sono ottimi anche per passare la notte. Ma anche Marina Lunga o a Porto Pignataro sono ben ridossati ed offrono dei pontili galleggianti. Una volta scesi a terraferma recati a visitare la cittá di Lipari, la piú mondana dell’arcipelago, cinta da mura fortificate e dominata dal suo castello abbarbicato sulla roccia. La zona del porto é molto ricca di negozi. In cittá si puó passeggiare per il Corso, prendere un gelato o assaggiare le delizie della cucina siciliana, fino a raggiungere la Torre di Lipari.

Hai noleggiato una barca a Portorosa e sei alla ricerca di un mini itinerario per esplorare l’isola? Salpando da Marina Corta, dirigiti verso Nord, costeggiando il Monterosa e raggiungi il grazioso paese di Canneto, tutto da visitare. Proprio qui si trovano le rinomate cave di pietra pomice che danno vita a delle meravigliose spiagge dalla sabbia candida e quasi impalpabile, assolutamente da non perdere! Tra le baie degne di nota ci sono Capo Rosso ubicata a Nord-Est e raggiungibile solo via mare, ma anche la spiaggia Praia di Vinci a Sud, vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni. Ma l’isola offre anche incantevoli passeggiate, come il sentiero che conduce al Belvedere di Quattrocchi, il punto piú alto dell’isola, che regala una vista spettacolare sui faraglioni di Lipari e su Vulcano. Il panorama che potrai ammirare da qui ti lascerá a bocca aperta. A questo punto affitta un motorino per scoprire tutte le bellezze nascoste dell'isola!

 

Vista sull'isola di Vulcano dal Belvedere Quattrocchi a Lipari Bagno nelle cave di pietra pomice a Lipari

Vista sull'Isola di Vulcano dal Belvedere Quattrocchi (foto Adobe Stock) e bagno nelle cave di pietra pomice a Porticello, Lipari (foto di Alessandro Germak)

 

Panarea

 

É la volta di Panarea, che dista 10 miglia nautiche da Lipari. Quest'isola si contraddistingue dalle altre per la vita mondana che offre, tra bar, ristoranti e discoteche. Monica Biondi, cliente Filovent, consiglia: “un ottimo ristorante a Panarea, a mio avviso il migliore dell’isola é La Sirena, sul versante Sud-Est”. Non solo, Panarea é anche una paradiso ideale per gli amanti delle immersioni, i suoi fondali sono meravigliosi e ricchi, insomma, tutti da esplorare! Quest’isola é talmente piccola che per visitarla tutta non avrai bisogno di noleggiare uno scooter. Per quanto riguarda gli ancoraggi, invece, Cala Zimmari é ben protetta e ottima anche per una sosta notturna. Cala Junco é una bellissima piscina naturale contornata da scogli che la rendono una delle spiaggie piú affascinanti delle Eolie. Secondo Alessandro Germak, cliente Filovent, "un’alternativa interessante per lo snorkeling é ancorare tra gli isolotti di Liscia Bianca e Bottaro dove é si puó sostare anche di notte". Un ancoraggio strategico é Punta Torrione, ideale perché ben riparato, ma allo stesso tempo vicino al delizioso paesino di Panarea, tutto da visitare.

 

Praticando snorkeling a Liscia Bianca Riunione a bordo a Liscia Bianca

Ancoraggio tra Liscia Bianca e Bottaro per praticare snorkeling e Riunione a bordo per i membri dell'equipaggio a Liscia Bianca (foto di Alessandro Germak)

 

Stromboli

 

L’intera isola di Stromboli é un vulcano attivo, alto oltre 900 metri. Assolutamente da non perdere una volta alle Eolie é ammirare La Sciara direttamente dalla barca. Alessandro Germak, cliente Filovent, racconta: “guardare lo Stromboli in eruzione di notte é stata un’emozione pazzesca, consiglio a tutti di vivere quest’esperienza!”. L’isola di Stromboli presenta un paesaggio piuttosto inospitale, ma nonostante ció é possibile raggiungere la vetta del vulcano con l’aiuto di un’escursione organizzata e con guide preparate. "Si tratta di un percorso piuttosto faticoso, ma é fattibile" continua Alessandro Germak, e puó durare fino a 5 ore tra andata e ritorno. Molto suggestivo è tuffarsi in acqua per un bagno con il vulcano sullo sfondo.

 

relax a bordo di un bagno ai piedi del Vulcano Stromboli

Momento di relax e bagno rigenerante ai piedi del vulcano Stromboli (foto di Alessandro Germak, cliente Filovent)

 

Ma vale anche la pena visitare il paese di Stromboli e Ginostra. Per il primo é possibile ancorare davanti alla spiaggia di Ficogrande poiché in questo punto i fondali sono poco profondi. A pochi chilometri si trova il delizioso paese, che puoi raggiungere a piedi. Degno di nota é un altro pittoresco paesino, Ginostra che puó essere raggiunto unicamente in barca e che merita una visita. Una volta scesi a terraferma ad accoglierti ci saranno ristorantini, bar gelaterie: fermati per degustare i deliziosi piatti della cucina siciliana! Stromboli é un’isola piuttosto inospitale, anche per quanto riguarda l’ancoraggio, poiché non ci sono insenature ridossate e ben protette. Prima di avventurarti al largo delle sue coste, é quindi bene controllare che i venti siano ottimali. Infatti in quest'area, a parte Ficogrande, dove é possibile lasciare la barca per visitare il paese, i fondali sono alti e rocciosi e non permettono di lasciare la barca incustodita all’ancora.

 

Salina

 

L’isola di Salina, a circa 20 miglia di distanza da Stromboli, si contraddistingue dalle altre isole dell’arcipelago per essere particolarmente rigogliosa e ricoperta da macchia mediterranea, anche se a tratti il paesaggio si presenta roccioso. Se ormeggi a Santa Maria Salina, dove si trova il porto principale dell’isola, puoi fare rifornimento e visitare l’omonima cittá. Meritano una tappa anche Malfa, Leni ed il piccolo paesino di Lingua che si affaccia sul lago di Sale, da cui prende il nome l’isola. Questo punto presente dei fondali ottimi per l’ancoraggio sia di giorno che di notte. Con un tender puoi raggiungere il paese o andare a visitare il lago, che offre un panorama davvero suggestivo.

Infine, puoi visitare il paese di Rinella, lasciando la barca davanti al campo boe situato giusto di fronte. Se hai voglia di fare un’escursione puoi raggiungere il cratere del vulcano Fossa delle Felci, alto 962 metri. Da notare che quest’area é costellata di vitigni da cui si produce il rinomato vino della zona, il Malvasia, assolutamente da provare. Per la degustazione, suggestiva è la visita alla rinomata azienda vinicola Hauner. Tra gli ancoraggi piú suggestivi dell’isola, la piccola baia di Pollara e Punta Perciato ti lascernno a bocca aperta grazie alle alte scogliere di falesia che si precipitano a picco sul mare. Questo posto è talmente affascinante da essere stato scelto, a ragion veduta, come scenario per il film “Il Postino” di Massimo Troisi. Pur dovendo fare attenzione a qualche affioramento roccioso, qui l’ancoraggio é possibile poiché il fondale é sabbioso e raggiunge una profonditá massima di 10 metri.

 

Alte scogliere e arco scavato nella roccia a Punta Perciato
Spettacolare arco scavato nella roccia a Punta Perciato (foto Adobe Stock)

 

Alicudi e Filicudi

 

Filicudi e Alicudi, essendo lontane dalla massificazione turistica, sono entrambe ideali per una navigazione rilassata e nel bel mezzo della natura. "Entrambe offrono comunque dei comodi campi boe", spiega Alessandro Germak, cliente Filovent. Filicudi é la prima isola che si incontra, partendo da Salina e che dista da quest’ultima circa 10 miglia nautiche circa. Quest'isola è talmente incontaminata che non vi sono neanche le strade ed i suoi abitanti per spostarsi si servono degli asini. Gli unici centri abitati del territorio sono Filicudi Porto e Pecorini a Mare, entrambi dotati di un porto. Il primo offre una baia ben protetta dove ancorare in tutta tranquillitá ma, come sottolinea Monica Biondi, cliente Filovent, “il panorama piú bello in assoluto lo si trova a Pecorini, che raccomando di visitare”. Il modo migliore per esplorare l’isola é navigarvi intorno. La sua particolarità, infatti, é data dalla costa particolarmente frastagliata, fatta di alte scogliere e dotata di una serie di interessanti grotte, di cui le piú conosciute sono San Bartolomeo, Maccatore e la Grotta del Bue Marino. Quest’ultima si trova sul versante Ovest dell’isola e, con le dovute precauzioni, di giorno é possibile ancorarvi. Inutile dire che i suoi fondali regalano uno scenario favoloso agli amanti dello snorkeling! In linea generale, comunque, i fondali che circondano le coste, sono molto profondi e dunque non sono presenti ancoraggi e porti particolarmente sicuri.

Infine, non possiamo dimenticare l’isola piú piccola di tutto l’arcipelago: Alicudi, distante 8 miglia da Filicudi. A differenza di quest’ultima, la sua costa non é frastagliata, non vi sono baie protette e il fondale diventa repentinamente profondo intorno alla costa. Consigliamo dunque di recarti in questa zona non prima di esserti assicurato che le condizioni meteo siano favorevoli. É, inoltre, buona norma fare rifornimento prima di raggiungere quest'isola, poiché dispone di servizi minimi. Per scendere in visita, l’ancoraggio piú opportuno é consentito dai gavitelli situati davanti ad Alicudi, unico centro abitato del territorio. Qui, dove ogni cosa è rimasta intatta, il tempo sembra essersi fermato e ciò rende quest'isola ideale per chi desidera immergersi in luogo lontano da occhi indiscreti. Alessandro Germak, cliente Filovent, racconta: "ad Alicudi l’atmosfera é davvero selvaggia, non esistono strade, ma solo sentieri sterrati e la gente del posto si sposta con il mulo. Tutto il paese si arrampica sulle pendici del vulcano".

 

La selvaggia isola di Alicudi
Vista della selvaggia isola di Alicudi vista da un Oceanis 51.1 (Foto di Alessandro Germak, cliente Filovent)

 

Quando partire per la tua crociera alle Isole Eolie?

 

Vuoi noleggiare una barca in Sicilia e Isole Eolie? Il periodo ideale va da aprile fino alla fine di ottobre. Se vuoi godere del volto piú autentico dell’arcipelago luglio ed agosto, quando i porti e le rade sono piú affollate e c’è meno vento, sono i mesi meno indicati. La stagione primaverile é ottima se prediligi un clima mite con temperature non troppo alte. L’estate, invece, si tengono numerosi eventi, sagre e feste ed é la stagione ideale se sei alla ricerca di una vacanza piú movimentata. Ottima idea anche passare una settimana alle Eolie in autunno. A settembre ed ottobre, infatti, le isole cominciano a svuotarsi, c’é piú vento, il clima é ancora sostenibile ed é possibile immergersi in acqua. Inoltre, tutte e attivitá legate al turismo rimangono aperte fino ai primi di novembre. I venti che spirano maggiormente nell’Arcipelago delle Eolie sono in genere quelli provenienti da Nord-Est, come il Grecale, fatta eccezione per l’inverno. In questo periodo ad essere predominanti sono il Libeccio ed il Ponente, provenienti rispettivamente da Sud-Ovest ed Ovest. Come giá sottolineato piú volte, essendo i fondali delle Isole Eolie molto profondi e le baie poco protette, é sempre buona norma in quest’area controllare le condizioni del mare e del vento prima di salpare verso la prossima isola. Che aspetti allora a noleggiare una barca a Portorosa per scoprire le meravigliose isole Eolie?

 

Come arrivare alla base di partenza di Portorosa?

 

Se hai deciso di noleggiare una barca a Portorosa, esistono varie opzioni per raggiungere questa base. In auto dovrai percorrere l’Autostrada del Sole fino a raggiungere Villa San Giovanni dove ti imbarcherai sul traghetto per Messina. Da qui dovrai imboccare l’Autostrada A20, seguendo le indicazioni per Palermo, e prendere l’uscita Falcone. Se preferisci un mezzo alternativo, non dovrai fare altro che prendere un treno diretto per la Stazione Ferroviaria di Furnari o Barcellona Pozzo di Gotto da Torino, Milano, Bologna o Roma. Una volta a Messina ti basterá seguire quanto detto sopra per l’autostrada. Infine, puoi arrivare a Portorosa via mare: le sue coordinate sono 38° 07' 60" Nord, 15° 06' 72" Est.

 

Consulenti specializzati che vi consigliano con serietà, reattività e trasparenza

Marina
Ismael
François
Lina
Pierre
Iñaki

Recensioni dei clienti dopo aver prenotato una barca

Parlano di noi...